PUBLIC IMAGE LIMITED



Biografia relativa agli anni '80

I Public Image Limited sono legati esclusivamente alla figura di John Lydon (1956), vero leader carismatico della band.
Nel 1978, quattro mesi dopo lo scioglimento dei Sex Pistols, John Lydon annuncia l'abbandono del nome Johnny Rotten e la costruzione di un nuovo gruppo con il chitarriasta Keith Levene (ex Clash), il bassista Jah Wobble e il batterista canadese Jim Walker (ex Furys).

Mentre Wobble pubblica un mix reggae ("Dreadlock don't deal in wedlock") il quartetto esordisce con il 45 giri "Public image", dove l'irruenza punk dei Sex Pistols è mediata da aperture sperimentali.

Lo stesso discorso viene poi riproposto in "First Issue", un album all'insegna di rock ipnotico, glaciale e graffiante, sul quale si inseriscono testi caustici e dissacranti.

Nel frattempo viene consegnato alle stampe l'Ep "Steel leg & Jah Wobble" contenente quattro brani frutto di una collaborazione tra Levene e Bobble.

Nel 1979 sostituito Walker con Vivian Jackson e poi con Richard Dudanski i Public Image Limited realizzano un altro singolo di successo, ovvero "Death disco", che mostra un interesse più accentuato per sonorità cupe e allucinate.

L'album che viene pubblicato successivamente si chiama "Metal Box" preceduto dal singolo Memories e dall'abbandono di Dudanski.

Nel 1980 la lunga tournée primaverile viene documentata da "Paris au printemps".
Siamo nel 1981, e la pesantissima ed ingombrante eredità dei Sex Pistols sembra non pesare più di tanto a John Lydon, che mostra di avere ancora molte idee da spendere. Public Image (o semplicemente Pil) è una sigla a suo uso e consumo. L'album "Flowers of romance" fa segnare il primo risultato di alta classifica, con un suono ritmico e le urla del cantante in grande evidenza.

Nel 1982 Lydon si trasferisce in America (dove ci rimarrà per 7 anni), e lì inizia a lavorare con Levene ad alcune nuove canzoni, pur trovando il tempo anche per una parte con Harvey Keitel nel film "Cop killer".

Il 1983 è all'insegna di una tournée americana, poi proseguita in Giappone con due band di supporto imitatori degli stessi Pil. Da due concerti nella capitale giapponese vengono tratte le canzoni del doppio "Live in Tokyo".

In quello stesso anno viene pubblicato il 45 giri "This is not a love song", la cui stampa 12" possiede versioni molto interessanti.

Nel 1984 viene pubblicato "This is what you want", che fa segnare un passo indietro in termini di classifica ma è molto più rock dei precedenti, più ritmico e più ballabile.

Levene dichiara di non gradire il disco e propone una sua versione personale del lavoro, commercializzata come bootleg, dal titolo "Commercial Zone".

Nel 1985 in cerca di nuovi stimoli artistici, Lydon collabora con i Golden Palominos di "Visions of Excess", e poi si lega ad uno dei pionieri dell'hip hop newyorkese, Afrika Bambaataa, per il 12" Ep "World destruction".

Nel 1986, per la successiva mossa discografica Lydon chiama un cast di grandi nomi a New York. Il disco si intitola "Album" nella versione su vinile, ed è il più riuscito del catalogo Lydon/Pil.
Il singolo "Rise" raggiunge l'undicesima posizione nella classifica Uk.

Nel 1987 Lydon torna in patria e mette in piedi una nuova formazione, con cui realizza "Happy?", un altro disco di marcato stile pop-rock. Nelle pause, Lydon e Mc Geoch mettono su nastro alcune nuove versioni di vecchie canzoni dei Pil, previste su album con il titolo di "Renovations".

Nel 1989 dopo la defezione di Edmonds i Pil realizzano "9", ancora più levigato nei toni pop e funk.
Segue un tour negli Usa con New Order e Sugarcubes e un periodo di pausa, in cui esce un'antologia, "The Greatest Hits...so far".

 


Discografia essenziale degli anni '80

1980 - Paris au printemps (live)
1981 - Flowers of romance
1983 - Live in Tokio (live)
1984 - This is what you want...this is what you get
1986 - Album
1987 - Happy
1989 - 9

 


   
DISCLAIMER:
Questo sito è a carattere completamente amatoriale ed apolitico, apartitico e senza scopo di lucro. Rappresenta unicamente gli hobbies e gli interessi artistici e tecnici di Federico Stella
L'autore del sito è disponibile ad integrare, correggere ed eliminarne i contenuti, previa segnalazione via mail a: federico@federicostella.it
Il sito non viene aggiornato con cadenza periodica e in quanto tale non può essere considerato testata giornalistica e non rientra tra le categorie soggette all'iscrizione al Roc Registro Operatori della Comunicazione.
Tutti i marchi riportati appartengono ai legittimi proprietari;  marchi di terzi, nomi di prodotti, nomi commerciali, nomi corporativi e società citati possono essere marchi di proprietà dei rispettivi titolari o marchi registrati d’altre società e sono stati utilizzati a puro scopo esplicativo ed a beneficio del possessore, senza alcun fine di violazione dei diritti di Copyright vigenti; tutte le informazioni ed i contenuti (testi, grafica ed immagini) riportate sono, al meglio della mia conoscenza, di pubblico dominio.
Se, involontariamente, è stato pubblicato materiale soggetto a copyright o in violazione alla legge si prega di comunicarlo e provvederò immediatamente a rimuoverlo.
Non ritengo avere alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere attraverso i collegamenti presenti sulle mie pagine ed anche con queste non intendo violare alcun diritto di Copyright.
Questo sito non contiene cookies di profilazione, ai sensi del provvedimento 08/05/2014.