THE PRETENDERS



Biografia relativa agli anni '80

I Pretenders possono senza dubbio essere definiti il più importante gruppo pop-rock inglese a cavallo tra gli anni '70 ed anni '80.
In realtà la leader, Chrissie Hynde, era americana (1951, voce-chitarra) precisamente dell'Ohio.
Aveva imparato a suonare la chitarra già da piccola, ed era molto appassionata di soul e di recensioni.
Per questo motivo si trasferì a Londra nel 1973 per scrivere di musica sul New Musical Express.

Per qualche periodo collabora nella band di Chris Spedding al lavoro "Hurt", e poi nel 1978 fonda i Pretenders con Pete Frandon al basso, Martin Chambers alla batteria e James Honeyman-Scott alla chitarra e tastiere.

Nel 1979 è già in classifica con una rivisitazione di successo della hit "Stop your sobbing" dei Kings, prodotta da Nick Lowe.
Il brano successivo è "Brass in pocket", che raggiunge la prima posizione in Uk.

Il primo album vede la luce tra il 1979 e il 1980, si chiama "Pretenders" e conteneva tra gli altri anche "Private life". Questo lavoro ribadisce la formula vincente di Chrissie Hynde, che è abilissima a miscelare generi diversi come rock'n'roll, new wave, pop e punk. Ma è soprattutto la sua voce e sono i suoi toni aggressivi che la fanno diventare un vero e proprio personaggio.

Durante un tour in America avvia una relazione molto burrascosa con il leader dei Kinks Ray Davies, suo idolo di gioventù, da cui avrà la figlia Natalie.

Nel 1981 esce "Pretenders II" che conteneva la hit "Message of love" oltre che "I go to sleep", altra cover dei Kinks.

Nel corso del tour mondiale che segue, Honeyman-Scott muore per overdose, ma il gruppo continua nel progetto e sistema il chitarrista Robbie McIntosh e il bassista Malcolm Foster.

Purtroppo il destino è tragico per la band, ed anche Farndon, già allontanato dal gruppo, muore nel 1983 per overdose.

Nel 1984 esce la hit "Back on the chain gang", che raggiunge il quinto posto nella classifica Usa e fa parte della colonna sonora di "Re per una notte" di Martin Scorsese. Nello stesso lavoro "Learning to crawl" trovavano posto anche "Middle of the road", "Showed me" e "Thin line between love and hate".
Sempre in quell'anno, degne di segnalazione sono le due hit natalizie "2000 miles" e la cover "Have yourself a merry little Christmas", quest'ultima inclusa nella famosa compilation "A very special Christmas", un must per il Natale degli anni '80.

Nel 1985, come gruppo sulla cresta dell'onda partecipano di diritto al "Live Aid", mentre Chrissie Hynde consolida la propria reputazione con gli Ub40 nel brano "I got you babe", cover della vecchia hit di Sonny & Cher. Il brano rimane per diverse settimane al podio della classifica singoli Uk.

Nel 1986 esce "Get close", che vende davvero molto bene grazie alla hit "Don't get me wrong". All'interno dell'album c'era anche una versione inedita di "Room full of mirrors" di Jimi Hendrix.

La prima antologia esce nel 1987, e si chiama "Singles".
In realtà i Pretenders a ben vedere non sono una formazione omogenea, ma per via di questioni più che altro tristi (morti per overdose) sono una band ad uso e consumo di Chrissie Hynde, che alla fine ne è la vera leader incontrastata.

Nel 1988 la cantante e gli Ub40 si esibiscono nuovamente in luglio a Wembley con "Breakfast in bed", scritta per il compleanno di Nelson Mandela.

Il gruppo è ancora attivo, durante gli anni '90 ha sfornato hits come la splendida ballata "I'll stand by you" (1994) oppure "Human" (1999).


Discografia essenziale degli anni '80

1980 - Pretenders
1981 - Pretenders II
1984 - Learning to crawl
1986 - Get close

 


   
DISCLAIMER:
Questo sito è a carattere completamente amatoriale ed apolitico, apartitico e senza scopo di lucro. Rappresenta unicamente gli hobbies e gli interessi artistici e tecnici di Federico Stella
L'autore del sito è disponibile ad integrare, correggere ed eliminarne i contenuti, previa segnalazione via mail a: federico@federicostella.it
Il sito non viene aggiornato con cadenza periodica e in quanto tale non può essere considerato testata giornalistica e non rientra tra le categorie soggette all'iscrizione al Roc Registro Operatori della Comunicazione.
Tutti i marchi riportati appartengono ai legittimi proprietari;  marchi di terzi, nomi di prodotti, nomi commerciali, nomi corporativi e società citati possono essere marchi di proprietà dei rispettivi titolari o marchi registrati d’altre società e sono stati utilizzati a puro scopo esplicativo ed a beneficio del possessore, senza alcun fine di violazione dei diritti di Copyright vigenti; tutte le informazioni ed i contenuti (testi, grafica ed immagini) riportate sono, al meglio della mia conoscenza, di pubblico dominio.
Se, involontariamente, è stato pubblicato materiale soggetto a copyright o in violazione alla legge si prega di comunicarlo e provvederò immediatamente a rimuoverlo.
Non ritengo avere alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere attraverso i collegamenti presenti sulle mie pagine ed anche con queste non intendo violare alcun diritto di Copyright.
Questo sito non contiene cookies di profilazione, ai sensi del provvedimento 08/05/2014.