TUXEDOMOON



Biografia relativa agli anni '80

I Tuxedomoon erano Blaine Leslie Reininger (1953, voce-violino-tastiere-chitarra), Steven Brown (voce-tastiere), Peter Principle (basso-tastiere-chitarra), Winston Tong (voce).

Sono un gruppo americano, precisamente di San Francisco.
Gran parte della formazione studia musica elettronica, e nel 1977 formano i Tuxedomoon New Music Ensemble sull'onda delle nozioni acquisite.

Nei mesi seguenti la formazione si stabilizza con l'ingresso della cantante Victoria Lowe e dell'attore teatrale Winston Tong.
L'originale 45 giri "Joeboy" esce nel 1978, ed introduce al mondo dei Tuxedomoon, caratterizzato da ritmi ossessivo e ampio uso dell'elettronica.

La maturazione del quintetto arriva nell'Ep "No tears", uscito nel 1979, i cui quattro brani sposano freddezza, romanticismo e decadenza.

Successivamente esce "Stranger", che precede l'Ep "Scream with a view". La fama del gruppo è accresciuta con la partecipazione alla raccolta "Subterranean modern", che porta al contratto con la Ralph Records.

Nel 1980 Half Mute, un classico del rock in chiave elettronica, conferma la statura e il carattere del gruppo, divenuto un trio a seguito della defezione di Belfer.

In quello stesso periodo esce il famoso 45 giri inedito "Dark companion", che precede vari concerti nell'Europa continentale.

A Londra viene inciso invece "Desire", reso più intenso dalla presenza del ritrovato "Winston Tong".

Nel 1981 i Tuxedomoon si recano in Francia per un tour e poi si stabiliscono in Olanda, precisamente a Rotterdam.
Dopo un'esibizione solistica ad Amsterdam, Blaine Reininger è investito da un'auto e riporta numerose fratture che lo bloccano per mesi su una sedia a rotelle.

L'album "Divine" verrà pubblicato la primavera successiva.

Nel 1982, rientrati da un breve tour negli Stati Uniti, i Tuxedomoon vivono mesi di attività frenetica con l'incisione del primo album di Reininger, una tournée in Italia e alcune sessions londinesi. Tra l'altro in questo periodo verrà inciso anche l'album "Suite en sous-sol" per la Italian Records di Bologna.

L'anno trionfale della band, sospesa tra musica classica, elettronica e new wave in un perfetto eclettismo di suoni culmina con il 12" della DDC ("The Cage") e poi con "Like the others".

Nel 1983 Reininger opta per la carriera solistica, senza tagliare i ponti con i compagni e collaborando con loro in numerose circostanze tra cui il disco in proprio "Night air".

Nel 1984 dopo una serie di date in Germania l'ensemble si prepara per il nuovo album, concedendosi pause per concerti di grandissima rilevanza. Da segnalare l'esibizione trionfale a Roma, davanti ad un pubblico di 12.000 persone entusiaste.

Esce intanto il 45 giri "Soma", inciso poco prima della firma dell'accordo con la Crammed che prevede la creazione del marchio Cramboy.

Nel 1985 "Holy wars", forse meno estroso dei predecessori ma ricco di intensità e fascino ottiene ottimi riscontri commerciali. Le apparizioni dal vivo in Germania, Israele ed Italia coinvolgono un nuovo membro, il tastierista belga Ivan Georgiev, e Principle pubblica uno dei suoi tre album in proprio, ovvero il primo "Sedimental Journey".

Nel 1986 "Ship of fools" è l'elaborazione discografica di "Revisionaries" ma non replica il successo di "Holy wars".

Siamo nel 1987, quando i Tuxedomoon festeggiano il loro decimo compleanno con "You", all'insegna di una apprezzabile routine, e con l'antologia "Pinheads on the move".

Nel 1988 esce "Ten years in one night", film documentario sul tour celebrativo con composizioni antecedenti il 1983.

Contemporaneamente i musicisti non smettono di coltivare progetti personali, quello più curioso è di Brown, che per l'etichetta fiorentina Lacerba realizza un progetto di covers di Luigi Tenco ("Brown plays Tenco").

 

 

Discografia essenziale degli anni '80

1980 - Half mute
1981 - Desire
1981 - Joe Boy in Rotterdam / Joe Boy in San Francisco
1982 - Divine
1982 - Suite en sous-sol
1985 - Holy wars
1986 - Ship of fools
1987 - You
1989 - Ten years in one night (live)

 


   
DISCLAIMER:
Questo sito è a carattere completamente amatoriale ed apolitico, apartitico e senza scopo di lucro. Rappresenta unicamente gli hobbies e gli interessi artistici e tecnici di Federico Stella
L'autore del sito è disponibile ad integrare, correggere ed eliminarne i contenuti, previa segnalazione via mail a: federico@federicostella.it
Il sito non viene aggiornato con cadenza periodica e in quanto tale non può essere considerato testata giornalistica e non rientra tra le categorie soggette all'iscrizione al Roc Registro Operatori della Comunicazione.
Tutti i marchi riportati appartengono ai legittimi proprietari;  marchi di terzi, nomi di prodotti, nomi commerciali, nomi corporativi e società citati possono essere marchi di proprietà dei rispettivi titolari o marchi registrati d’altre società e sono stati utilizzati a puro scopo esplicativo ed a beneficio del possessore, senza alcun fine di violazione dei diritti di Copyright vigenti; tutte le informazioni ed i contenuti (testi, grafica ed immagini) riportate sono, al meglio della mia conoscenza, di pubblico dominio.
Se, involontariamente, è stato pubblicato materiale soggetto a copyright o in violazione alla legge si prega di comunicarlo e provvederò immediatamente a rimuoverlo.
Non ritengo avere alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere attraverso i collegamenti presenti sulle mie pagine ed anche con queste non intendo violare alcun diritto di Copyright.
Questo sito non contiene cookies di profilazione, ai sensi del provvedimento 08/05/2014.