VIOLENT FEMMES



Biografia relativa agli anni '80

I Violent Femmes erano Gordon Gano (1963, voce-chitarra-violino), Brian Ritchie (1960, contrabbasso-basso-percussioni), Victor De Lorenzo (1954, batteria).

Nascono a Milwaukee dall'incontro di Gordon Gano con Brian Ritchie e Victor De Lorenzo. Il trio sceglie un nome di sicuro impatto ("Femmes" è una nota marca di assorbenti femminili americana) e uno strano repertorio fatto da ballate stralunate.
Durante un concerto i Pretenders li invitano ad esibirsi a New York, dove ottengono responsi entusiastivi.
La piccola notorietà acquisita favorisce l'ottenimento di un contratto con la Slash.

Nel 1983 il disco d'esordio è quanto di più originale possa offrire la scena di quegli anni, ovvero un misto tra Velvet Underground e Jonathan Richman.
Nel 1984 esce "Hallowed ground" che non ripete la formula ma cerca altre strade grazie alla sezione fiati degli Horns Of Dilemma.

Nel 1986 "The blind leading the naked" prodotto con mano infelice da Jerry Harrison dei Talking Heads, fa segnare un passo falso ma capolino in classifica. A quel punto il trio si prende un lungo periodo di pausa, motivato anche dai contrasti tra Gano e Ritchie.

Il primo fonda i Mercy Seat, mentre il bassista prosegue come solista.
Nel 1988 la formazione si ricompone per "3", album che riconduce i Violent Femmes agli esordi.

Sul finire degil anni '80 mentre Ritchie realizza il suo terzo album "I see a noise", De Lorenzo debutta in proprio con "Peter Corey Sent Me".

 

 

Discografia essenziale degli anni '80

1983 - Violent Femmes
1984 - Hallowed ground
1986 - The blind leading the naked
1988 - "3"

 


   
DISCLAIMER:
Questo sito è a carattere completamente amatoriale ed apolitico, apartitico e senza scopo di lucro. Rappresenta unicamente gli hobbies e gli interessi artistici e tecnici di Federico Stella
L'autore del sito è disponibile ad integrare, correggere ed eliminarne i contenuti, previa segnalazione via mail a: federico@federicostella.it
Il sito non viene aggiornato con cadenza periodica e in quanto tale non può essere considerato testata giornalistica e non rientra tra le categorie soggette all'iscrizione al Roc Registro Operatori della Comunicazione.
Tutti i marchi riportati appartengono ai legittimi proprietari;  marchi di terzi, nomi di prodotti, nomi commerciali, nomi corporativi e società citati possono essere marchi di proprietà dei rispettivi titolari o marchi registrati d’altre società e sono stati utilizzati a puro scopo esplicativo ed a beneficio del possessore, senza alcun fine di violazione dei diritti di Copyright vigenti; tutte le informazioni ed i contenuti (testi, grafica ed immagini) riportate sono, al meglio della mia conoscenza, di pubblico dominio.
Se, involontariamente, è stato pubblicato materiale soggetto a copyright o in violazione alla legge si prega di comunicarlo e provvederò immediatamente a rimuoverlo.
Non ritengo avere alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere attraverso i collegamenti presenti sulle mie pagine ed anche con queste non intendo violare alcun diritto di Copyright.
Questo sito non contiene cookies di profilazione, ai sensi del provvedimento 08/05/2014.