XTC



Biografia relativa agli anni '80

Gli Xtc erano Andy Partridge (1953, voce-chitarra), Colin Moulding (1955, voce-basso), Barry Andrews (1955, tastiere), Terry Chambers (1955, batteria) e Dave Gregory (chitarra e tastiere).

Andy Partridge vanta un'intensa attività musicale nella zona di Swindon, pur essendo originario di Malta.
Nel 1975 fonda gli Xtc, e nel 1977 reclutato Barry Andrews il gruppo registra la prima John Peel Session che frutta un accordo con la Virgin per la produzione di un 45 giri, il primo della carriera: "Science friction".

Il brano non vende molto, ma dà subito un'idea del pop energico e bizzarro proposto dai quattro. Nel 1978 escono "Statue of liberty" e "This is Pop!", pezzi forti dell'album "White music".
In piena rivoluzione punk si fanno notare per essere una delle migliori band pop-wave.

Eclettismo e musica fuori dagli schemi sono i punti fermi di "Go 2", disco molto complesso ed elaborato nei suoni. Il vinile aveva una copertina senza immagini ed un maxi singolo con versioni allucinate dub allegato.

Nel 1979 dopo una breve tournée negli Stati Uniti, Andrews rassegna le dimissioni ed è sostituito dal chitarrista Dave Gregory. IL brano "Life begins ad the hop" precede tutta una serie di date in Australia, Nuova Zelanda e Giappone e l'uscita del lavoro "Drums and wires".

E' il capolavoro della prima stagione stilistica, disco di grande esuberanza ritmica e melodica, che conteneva un gioiellino pop, intitolato "Making plans for Nigel"

Nel 1980 Partridge pubblica un lavoro estemporaneo sperimentale, in attesa di "Black Sea". All'interno di questo lavoro c'erano "Generals and majors", "Towers of London", "Sgt. Rock".

Il quartetto partecipa in quello stesso anno alla colonna sonora del film Times Square, mentre Colin Moulding pubblica il singolo "Too many cooks in the kitchen".

Per gran parte del 1981 il gruppo è in tour, nel 1982 esce "English settlement", che conteneva la hit "Senses working overtime". Con questo brano gli Xtc raggiungono il vertice della carriera. L'album è il più venduto di tutto il catalogo.

Nel corso del tour Europeo successivo Partridge subisce una forma grave di "sindrome da palcoscenico" che costringe il gruppo a sospendere l'attività concertistica.
Alla fine dell'anno il batterista Terry Chambers si trasferisce in Australia lasciando il Xtc in tre.

Nel 1983 esce l'album "Mummer", che è molto lontano dagli standardi qualitativi precedenti, condizionato anche dalla rinuncia ai concerti. Alla fine dell'anno il gruppo si cela dietro la sigla "Three wise men" per un 45 giri natalizio "Thanks for Christmas".
Nel 1984 "The big express" risolleva le quotazioni grazie a singoli come "Wake up", "All you pretty girl" e "This world over".

L'anno successivo esce "25 O'Clock" che è una prova di stile: disco psichedelico in stile anni '60, a nome "Dukes of stratosphear", pubblicato il primo di aprile per ribadire che si trattava di uno scherzo.

Il successo fu però minimo, così come la replica di "Psonic Psunspot", due anni dopo.

I due dischi saranno poi messi insieme in "Chips from the chocolate fireball" nel 1989.

Nel 1986 "Skylarking" è registrato negli Usa con il produttore Todd Rundgren, la cui presenza promette meraviglie ma si conclude con tante polemiche. Il risultato è piacebole, grazie a singoli come "Grass" e "Meeting place" e per la curiosa professione di scetticismo religioso di "Dear God".

Nel 1989 esce "Oranges and lemons", che nelle intenzioni vorrebbe essere un secondo "English settlement" ma i brani non reggono il confronto e soltanto due brani "Mayor of simpleton" e "King for a day" spiccano sugli altri.

Nonostante tutto quest'ultimo risulterà essere il disco più venduto negli Stati Uniti, grazie anche ad un tour unplugged nelle radio americane.

 


Discografia essenziale degli anni '80

1980 - Black sea
1982 - English settlement
1983 - Mummer
1984 - The big express
1986 - Skylarking
1989 - Oranges & Lemons

 


   
DISCLAIMER:
Questo sito è a carattere completamente amatoriale ed apolitico, apartitico e senza scopo di lucro. Rappresenta unicamente gli hobbies e gli interessi artistici e tecnici di Federico Stella
L'autore del sito è disponibile ad integrare, correggere ed eliminarne i contenuti, previa segnalazione via mail a: federico@federicostella.it
Il sito non viene aggiornato con cadenza periodica e in quanto tale non può essere considerato testata giornalistica e non rientra tra le categorie soggette all'iscrizione al Roc Registro Operatori della Comunicazione.
Tutti i marchi riportati appartengono ai legittimi proprietari;  marchi di terzi, nomi di prodotti, nomi commerciali, nomi corporativi e società citati possono essere marchi di proprietà dei rispettivi titolari o marchi registrati d’altre società e sono stati utilizzati a puro scopo esplicativo ed a beneficio del possessore, senza alcun fine di violazione dei diritti di Copyright vigenti; tutte le informazioni ed i contenuti (testi, grafica ed immagini) riportate sono, al meglio della mia conoscenza, di pubblico dominio.
Se, involontariamente, è stato pubblicato materiale soggetto a copyright o in violazione alla legge si prega di comunicarlo e provvederò immediatamente a rimuoverlo.
Non ritengo avere alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere attraverso i collegamenti presenti sulle mie pagine ed anche con queste non intendo violare alcun diritto di Copyright.
Questo sito non contiene cookies di profilazione, ai sensi del provvedimento 08/05/2014.