Corriere di Novara
06 Gennaio 1977

 

L’ARTICOLO:

DEPOSITATA LA SENTENZA PER RADIO INTERNATIONAL

 

Il pretore di Novara, dottor Antonio Baglivo, ha depositato nei giorni scorsi la sentenza con la quale, almeno per il momento, mette fine alla situazione irregolare in cui si trovavano le varie radio.
La sentenza riguarda Silvestro Murtas, Gianfranco Zani, Giuseppe Bracca e Francesca Avanza, i responsabili di “Radio Novara International”, la più “antica” stazione radiofonica novarese via etere.
Al dibattimento, celebratosi nel dicembre del 1975, accertato che l’impianto di diffusione via etere era di portata non eccedente l’ambito locale ed accertato altresì che il ministero delle Poste e delle telecomunicazioni rifiutava di concedere l’autorizzazione, il pretore facendo proprie le tesi difensive, sollevava eccezione di incostituzionalità delle norme nella parte in cui si riferivano ad emittendi di limitata portata per le quali era necessaria l’autorizzazione governativa. La Corte Costituzionale, nel luglio scorso, dava ragione al magistrato novarese.
Ritornato in possesso degli atti processuali il pretore di Novara ha quindi definito la questione assolvendo gli imputati perchè il fatto non costituisce reato.

V.O.