DEAD CAN DANCE



Biografia relativa agli anni ’80:

I Dead Can Dance sono Lisa Gerrard (voce) e Brendan Perry (voce-tastiere-strumenti vari).
Sono di origini anglo-irlandesi, ma si incontrano in Australia. La prima non ha rilevanti esperienze al suo seguito, mentre il secondo proviene da una garage band neozelandese attiva dal 1977.
Si formano ufficialmente nel 1981, creando un nuovo “sound”, che non ha nulla a che fare con il punk imperante e nemmeno la precedente psichedelia.
Nel 1982 si trasferiscono a Londra, dove vengono messi sotto contratto dalla 4AD.
Nel 1984 esce il primo 33 giri, che prende il nome della band. Questo lavoro impone i D.C.D. tra i nomi di punta della new wave incline al dark, dai cui stereotipi si terranno comunque sempre molto lontani e distanti.
In autunno il duo partecipa a “It’ll end in tears”, primo album del collettivo “This mortal coil” e pubblica l’Ep “Garden of the arcane delights”.
Nel 1985 esce “Spleen and Ideal” che replica il successo di critiche del precedente e raggiunge il secondo posto nelle classifiche indipendenti britanniche.
Siamo nella seconda metà degli anni ’80, e precisamente nel 1987, quando “Within the realm of a Dying sun” accentua la rarefazione delle trame e moltiplica gli spunti neo-cameristici. In quel periodo esce la raccolta-catalogo della 4AD, che contiene anche due loro brani.
Nel 1988 si muove nella solita direzione dei lavori precedenti anche “The Serpent’s egg”. In quell’anno i Dead Can Dance firmano la colonna sonora del film di Augustin Villarongas “El nino de la luna”.

Il gruppo è tuttora attivo, nonostante gli anni ’90 non siano sicuramente degni di nota come gli esordi. Gli ultimi lavori sono legati a colonne sonore di film.


Discografia essenziale degli anni ’80:

1984 – Dead Can Dance
1985 – Spleen and ideal
1987 – Within the realm of a dying sun
1988 – The serpent’s egg