Corriere di Novara

17 Giugno 1976


 


L'ARTICOLO:

La scorsa settimana abbiamo tentato di verificare quanto le radio "libere" novaresi siano realmente inserite nel tessuto sociale della città e quale ruolo esse svolgano. Il discorso non può considerarsi concluso, molte cose, infatti, non sono ancora state dette, limiti di spazio ci impediscono però di ampliare maggiormente la trattazione.
In questa seconda puntata dedicata alle radio, registriamo il parere dei partiti da cui risulta, come si può leggere più sotto, che sostanzialmente i diversi schieramenti politici sono contrari all'oligopolio radiofonico e, nella migliore delle ipotesi, richiedono una efficace regolamentazione, al fine di impedire l'indiscriminato proliferare attualmente in atto.
Lo spazio attorno alle radio private si sta quindi restringendo? E' un'ipotesi alquanto probabile. Pare infatti che la Rai, per rintuzzare gli attacchi concorrenziali delle emittenti private, stia approntando un programma a breve termine per il potenziamento e la ristrutturazione delle trasmissioni regionali e locali. Se realmente questi programmi dovessero essere realizzati le emittenti private, almeno in larga parte, finirebbero con l'essere battute dalle stesse armi che avevano usato per contrastare il monopolio radiofonico di stato, cioè il carattere pseudo-campanilistico dei notiziari e delle trasmissioni in generale.

Franco Tosca

 


   
DISCLAIMER:
Questo sito è a carattere completamente amatoriale ed apolitico, apartitico e senza scopo di lucro. Rappresenta unicamente gli hobbies e gli interessi artistici e tecnici di Federico Stella
L'autore del sito è disponibile ad integrare, correggere ed eliminarne i contenuti, previa segnalazione via mail a: federico@federicostella.it
Il sito non viene aggiornato con cadenza periodica e in quanto tale non può essere considerato testata giornalistica e non rientra tra le categorie soggette all'iscrizione al Roc Registro Operatori della Comunicazione.
Tutti i marchi riportati appartengono ai legittimi proprietari;  marchi di terzi, nomi di prodotti, nomi commerciali, nomi corporativi e società citati possono essere marchi di proprietà dei rispettivi titolari o marchi registrati d’altre società e sono stati utilizzati a puro scopo esplicativo ed a beneficio del possessore, senza alcun fine di violazione dei diritti di Copyright vigenti; tutte le informazioni ed i contenuti (testi, grafica ed immagini) riportate sono, al meglio della mia conoscenza, di pubblico dominio.
Se, involontariamente, è stato pubblicato materiale soggetto a copyright o in violazione alla legge si prega di comunicarlo e provvederò immediatamente a rimuoverlo.
Non ritengo avere alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere attraverso i collegamenti presenti sulle mie pagine ed anche con queste non intendo violare alcun diritto di Copyright.
Questo sito non contiene cookies di profilazione, ai sensi del provvedimento 08/05/2014.